Avevamo provato la versione 2 di Photolemur, il programma di Skylum in grado, grazie all’Intelligenza artificiale di correggere automaticamente le proprie fotografie (vedi la prova “Photolemur, il fotoritocco diventa automatico“). Photolemur è il programma dedicato a chi ama la fotografia ma ha poco tempo per ritoccare i propri scatti, oppure non ha voglia di mettersi a studiare per lavorare con applicativi che comunque richiedono un minimo di conoscenza.

La vecchia release del programma era un po’ ingessata: migliorava bene la foto ma non si poteva intervenire su nulla. Non era possibile neppure cercare di rendere un po’ personale la propria foto. La nuova versione, invece, permette qualche personalizzazione in più, sempre però nell’ottica di far fare meno fatica possibile all’utilizzatore e di essere semplicissimo da usare. Insomma la parola chiave per descrivere questo upgrade è flessibilità. E i risultati ottenibili dall’elaborazione sono buoni.

Ecco allora i cambiamenti più importanti presenti Photolemur 3.0:

  • Miglioramento automatico del viso con ritocco della pelle e sbiancamento dei denti. Il programma analizza la foto e se trova dei visi applica le impostazioni per migliorare la pelle e sbiancare i denti.
  • Ingrandimento intelligente degli occhi per rendere le foto più intriganti.

Nell’immagine la differenza in un ritratto tra Photolemur 2 e Photolemur 3 con attivate le correzioni per la pelle e gli occhi.

  • Menu di accesso rapido per l’ottimizzazione del volto, la correzione della lente e l’ingrandimento degli occhi. Come detto, è ora possibile intervenire per modificare in modo molto semplice alcune cose dell’immagine.
Il menu per selezionare le opzioni di correzione.
  • Aggiunta di stili alle foto. È una delle modifiche più interessanti per rendere creativi i propri scatti. Attualmente sono disponibili sei stili diversi che possono dare originalità alle foto (Apollo, Fall, Noble, Spirited, Mono e Evolve). Ecco alcuni esempi.
Il menu degli stili applicabili.
Una foto elaborata applicando lo stile Spirited.
Foto elaborata applicando lo stile Mono.
La stessa foto successivamente elaborata con lo stile Noble.
  • Un’altra importante novità è la possibilità di applicare le impostazioni da un’immagine a tutte le immagini in batch
  • Non è molto conosciuto in Italia, ma con la nuova versione le foto possono essere esportare direttamente al servizio SmugMug di Samsung. (solo per versione Mac)
  • Infine, ma non meno importante, è stata migliorata la velocità di elaborazione e la stabilità complessiva dell’applicativo.

In prova

Rispetto alla versione 2 il giudizio complessivo è migliore soprattutto per la possibilità di apportare dei cambiamenti creativi all’immagine e alla modifica di visi, occhi e denti effettuata dall’Intelligenza artificiale sulla quale è basato il programma. Nella prova pratica i risultati dell’elaborazione automatico sono decisamente buoni e possono soddisfare le esigenze di tutti gli utenti che non vogliono impegnarsi nell’elaborazione fotografica. Interessante anche l’elaborazione batch effettuabile in automatico o copiando le impostazione fatte su una precedente immagine. Insomma buon prodotto in grado di migliorare le foto (digerisce sia i Raw sia i Jpeg) senza fare fatica.

Photolemur 3.0 è in offerta sino a fine ottobre con lo sconto del 30% a 39 dollari invece di 55 per la licenza famiglia (5 computer), mentre la licenza per un solo computer costa 35 dollari e l’aggiornamento dalla versione 2 costa 15 dollari (vedi: https://photolemur.com/v3/pricing). Maggiori informazioni sul prodotto (in inglese) qui https://photolemur.com/technology

 

 

300x250
Ti potrebbero piacere anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.