Circa 140 chilometri da Milano. Vicinissimo a Peschiera del Garda. Sul Mincio. Ecco vicino a una bellissima cittadina (Valeggio sul Mincio) uno dei più bei borghi di Italia, manco a dirlo chiamato Borghetto. Sì, è piccolo, una perla che intravvedi mentre fai il ponte sul Mincio che porta a Valeggio. Un sito di vecchi mulini recuperato e reso bello, tranquillo e vivibile. Un’oasi di pace.

Borghetto sorge nella valle del fiume Mincio, ai piedi del ponte visconteo. Nei pressi del piccolo centro abitato sorgeva la stazione della ferrovia Mantova-Peschiera. Parte della sede di questa linea è stata reimpiegata per la pista ciclabile che collega Mantova a Peschiera del Garda costeggiando il Mincio per lunghi tratti.

Borghetto, la cui conformazione urbana risale al periodo longobardo (vedi il post sulla mostra dei Longobardi a Pavia), deve il suo nome alla lingua del popolo germanico che gettò le basi di un “insediamento fortificato” (questo il significato di Borghetto in longobardo), il primo agglomerato sorto nei pressi del punto di guado del fiume Mincio.

In epoca scaligera e poi viscontea risale la sua trasformazione in borgo fortificato, con due porte di accesso e una cerchia poligonale di mura con torri circondata dalla fossa Seriola (che attinge acqua dal Mincio).

Nel XVII secolo fu teatro del passaggio dei francesi nell’ambito della Guerra di successione spagnola.

La storia è importante per inquadrare il luogo e ciò che vediamo, ma ancora più importante è l’atmosfera magica che il recupero negli anni ha determinato. Se andate a fare un giro sul Garda non dovete assolutamente perdervelo, soprattutto la sera con le splendide luci del tramonto e gli aromi che arrivano dai tanti ristoranti.

300x250
, ,
Ti potrebbero piacere anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.